Cultura

In estrema sintesi, si può dire che la cultura di Furore è caratterizzata, come del resto accade per quasi tutti i paesi della Costa d’Amalfi, dalla compresenza di forti grumi di significato – che provengono da un passato a volte anche molto lontano nel tempo, quasi ancestrale e che ancor oggi resistono nella loro omogeneità strutturale – e di stratificazioni molto più recenti ed innovative come il Cinema e l’Informatica.

Si verificano così, singolari coesistenze tra un insieme di intrecci narrativi (le storie) e di nomignoli (i contranommi) – intesi come invenzioni linguistiche e persistenza di significato di antichi caratteri popolari e mestieri particolari – da un lato e, dall’altro, le vicende personali e culturali di grandi protagonisti della moderna cinematografia come la Magnani, Fellini e Rossellini e le innovazioni linguistiche che l’informatica apporta alle tradizionali strutture di rappresentazione della memoria quali i musei.